Economy of Francesco, dare una nuova anima all’economia

Nel 2019 papa Francesco con una lettera inviata a giovani imprenditori, economisti e change maker chiama a raccolta i giovani del mondo per creare una community globale che faccia un “patto” per cambiare l’attuale economia e dare un’anima all’economia di domani. Nasce così il movimento “The economy of Francesco”.

“Per questo desidero incontrarvi ad Assisi: per promuovere insieme, attraverso un “patto “comune, un processo di cambiamento globale che veda in comunione di intenti non solo quanti hanno il dono della fede, ma tutti gli uomini di buona volontà, al di là delle differenze di credo e di nazionalità, uniti da un ideale di fraternità attento soprattutto ai poveri e agli esclusi. Invito ciascuno di voi ad essere protagonista di questo patto, facendosi carico di un impegno individuale e collettivo per coltivare insieme il sogno di un nuovo umanesimo rispondente alle attese dell’uomo e al disegno di Dio. Il nome di questo evento – “Economy of Francesco” – ha chiaro riferimento al Santo di Assisi e al Vangelo che egli visse in totale coerenza anche sul piano economico e sociale. Egli ci offre un ideale e, in qualche modo, un programma. Per me, che ho preso il suo nome, è continua fonte di ispirazione.”

Tale appello è stato raccolto da centinaia di giovani. Sono nati dodici “villaggi tematici” che affrontano e approfondiscono argomenti chiave dell’economia di oggi e di domani, all’interno dei quali i giovani condividono le loro esperienze di progetti e pratiche di economia solidale.

Due incontri internazionali sono già stati organizzati ad Assisi ed in collegamento con tutto il mondo, l’ultimo dei quali si è tenuto il 2 Ottobre scorso ed è stato un’occasione di confronto per i giovani, esperti e profeti del nostro tempo.

L’incontro del 2020 ha portato a definire 12 richieste verso le potenze e istituzioni economico-finanziarie mondiali che definiscono un cammino verso un’economia migliore.

Le lettere di saluto del Papa ai partecipanti ai due incontri (vedi qui la lettera del 2020 e la lettera del 2021) sono state una fonte di ispirazione potente per i lavori, che meritano di essere meditate e interiorizzate da tutti.