Vocazione e itinerario delle Equipes Notre Dame.

Estratto di una conferenza di padre Henri Caffarel durante il pellegrinaggio a Roma nel 1959. 

Le origini

Risalendo il fiume fino alla sua sorgente, trovate quattro giovani coppie, ricche di un nuovo amore. Perché sono dei cristiani convinti, non intendono vivere il loro amore ai margini della loro fede. In mancanza di idee precise sulla dottrina del matrimonio cristiano, una intuizione molto precise li colma di speranza e li porta verso il prete: “Questo amore umano che è la nostra ricchezza e la nostra gioia, non è possibile che Dio non ne pensi qualcosa di molto bello e di molto grande; vogliamo conoscerlo, occorre che voi ce lo riveliate”. Ascoltandoli comprendo senza dubbio che li deluderei crudelmente se mi contentassi di dare delle definizioni giuridiche, di offrire delle regole morali. In una circostanza analoga mi ero già attirato una replica ironica e delusa: “Vi si parla di amore e rispondete famiglia”.

Non ero più avanti dei miei interlocutori. Al meno avevo la convinzione che, l’amore venendo da Dio, che il matrimonio essendo istituzione divina, l’idea divina dell’amore e del matrimonio doveva essere infinitamente più esaltante di tutto quello che potevano immaginare questi giovani uomini e donne. La mia risposta fu: “cerchiamo insieme, uniamoci e partiamo alla scoperta”.

Riunioni indimenticabili. Lo stesso clima di allegria di quello della partenza, all’alba in un bel giorno d’estate, per una passeggiata in montagna. Ogni uno di noi porta i suoi carismi: il prete, le sue conoscenze sul sacramento del matrimonio e l’insieme della dottrina cristiana; essi, la loro esperienza fresca dell’amore e del matrimonio. Senza dubbio, per trovare ciò che noi cercavamo, occorreva non limitarsi alle considerazioni biologiche, psicologiche, sociologiche e superare i punti di vista giuridici e morali. Se il matrimonio è un grande “mistero” come proclama san Paolo, solo uno sguardo di fede può penetrare nella sua ricchezza divina. In effetti le nostre riunioni si svolgono in un ambiente di fede viva, curiosa, entusiasta.
Poco a poco appare il posto eminente del matrimonio cristiano nel grande disegno di Dio. Ci sembrava tutto ordinato alla gloria del Signore. I suoi fini sono in effetti la moltiplicazioni dei figli e delle figlie di Dio, l’aiuto reciproco degli sposi nella ricerca della santità. Non occorre cercare altrove per procedere verso il Signore: il matrimonio è una via sacra, la famiglia cristiana è una cellula vivente della Chiesa.

Non solamente il matrimonio si situa nel disegno di Dio, ma ne rivela le ricchezze. Fu questo una delle più scoperte gioiose di questi giovani spiriti avidi di conoscenza. Con quale applicazione si impegnavano a decifrare la parabola del matrimonio! E’ a questa che i profeti hanno fatto sovente ricorso per farci comprendere l’alleanza di Dio con il suo popolo Israele. San Paolo stesso, per farci intravedere l’unione di Cristo e della Chiesa, e i mistici dopo di Lui, per rivelarci l’intimità d’amore di Cristo con l’anima cristiana, non hanno trovato nulla di meglio di questa parabola dell’amore coniugale.

Vi era più ancora a scoprire. Il matrimonio cristiano sacramentale, non solamente rappresenta l’unione d’amore tra Cristo e la Chiesa, ma fa partecipare la coppia a questa unione. Voglio dire che grazie al sacramento del matrimonio, l’amore che unisce Cristo alla Chiesa è lo stesso che lavora per unire, per fare vivere, per allietare lo sposo e la sposa.

Lavoravamo da solo un anno quando scoppiò la grande prova. Il nostro gruppo, e ogni coppia, fu divisa per la partenza degli uomini per la guerra. Ma era stata fatta una esperienza capitale, di cui vorrei brevemente illustrare le lezioni perché esse spiegano gli orientamenti del futuro.
Avevo intravisto come occorre presentare la dottrina del matrimonio a delle giovani coppie quando si vuole convincerle di camminare verso Dio in questa strada con passo veloce. Voglio sintetizzarle. Non mi fermerò a lungo su questo.

Nello stesso tempo mi era stata donata la spiegazione del fenomeno classico che scoraggia i preti e le coppie stesse: l’intiepidirsi della vita cristiana all’inizio del matrimonio. Intravista la spiegazione, era trovato il rimedio. Questa diminuzione deriva dal fatto che le giovani coppie dissociano amore umano e amore divino, non vedendo il legame tra i due. Se si mostra loro che non è necessario abbassare l’uno per aumentare l’altro, che l’amore umano deve portare all’amore divino e l’amore divino all’amore del coniuge, se comprendono che con il sacramento del matrimonio non sono solamente santificati ma che diventano santificanti, allora l’entrata nel matrimonio non registrerà un indebolimento di vita cristiana ma segnerà una nuova partenza – che li impediscono di contare sulle prime disillusioni per volgersi verso Dio!

Non meno evidente mi era parsa la fecondità della collaborazione del prete e delle coppie. Non a me solamente, ma anche a essi; uno di essi l’aveva ben compreso, quando un giorno nella sua preghiera ringraziava Dio per “il matrimonio dei nostri due sacramenti”. Il prete porta la dottrina, le coppie l’esperienza. Da questa unione si sviluppa una arte di vivere cristiano nel matrimonio.

Non era solamente tra essi e il prete che si erano annodati dei legami, ma ugualmente tra di essi. Avevano fatto l’esperienza che nulla unisce tanto quanto il ricercare insieme il pensiero di Dio. Nulla è più necessario che questa unione per delle coppie che vogliono progredire in questa ricerca per viverla sempre meglio.

Dalla nostra esperienza sorgeva un’altra esperienza, il posto che la preghiera aveva presa nelle nostre riunione; nella stessa maniera che il raggio luminoso ritorna alla sua fonte quando incontra uno specchio, così cadendo in cuori retti e puri, la verità che deriva da Dio ritorna spontaneamente a Dio sotto forma di preghiera.

Henri Caffarel.

Tratto da “Il Bollettino degli Amici di Padre Caffarel” della ASSOCIAZIONE AMICI DI PADRE CAFFAREL. 49, RUE DE LA GLACIERE F-75013 PARIS. www.henri-caffarel.org
tradotto da Maryves e Cris Codrino To23 (a cui potete chiedere informazioni per eventuali adesioni).